Non dimenticare qualcosa di rosso per il cenone dell’ultimo dell’anno.

Il rosso è il colore must have della notte di San Silvestro: indossato, ostentato, accennato, nascosto… l’importante è che non manchi all’appello!

Un po’ per tradizione, un po’ perché si dice che sia di buon auspicio per il nuovo anno, un po’ perché in questa particolare notte ci si sente spesso nel mood giusto per concedersi di osare di più… e un po’ anche perché mette di buon umore e, quindi, perchè no?

Forse però in pochi sanno da dove viene quest’usanza. Le sue origini sono antichissime e giungono a noi dal lontano oriente, dalla Cina per l’esattezza:

La leggenda narra che il rosso fosse l’unico colore in grado di spaventare e scacciare Niàn, una figura mitologica, un demone, rappresentato sotto forma di bestia mangiatrice di uomini, che usciva dalle profondità marine facendo la sua comparsa proprio durante il Capodanno cinese. Il rosso sarebbe stato una sorta di “scaccia demoni”, diventando il colore portafortuna per eccellenza.

Ancora oggi, nel simbolismo orientale, il rosso è il colore della fortuna, della prosperità e della buona sorte.

E se quest’anno, oltre ad indossare qualcosa di rosso, sorprendessimo gli ospiti facendoglielo trovare anche nel piatto? Tutti i formati di pasta 3D BluRhapsody®, oltre ad essere scenografici nella forma, sono personalizzabili nel colore e di conseguenza anche negli aromi. Immagina di portare a tavola una pasta a forma di anfora, di sfera o ancora di petalo di fiore e poi di dargli un colore, rigorosamente una sfumatura scarlatta, e poi ancora un sapore: il confortante pomodoro, la speziata paprika, l’aromatico peperone, il dolce lampone, o l’inatteso melograno… che tono di rosso scegli per il tuo cenone?